Search
Filters
Close

Ricarica PD: di cosa si tratta e perché non potremo più farne a meno

Una ricarica universale ultra rapida

 

M'illumino di Meno è la Giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili lanciata da Caterpillar e Radio2 nel 2005. In questa giornata particolare, dedichiamo la nostra attenzione a un innovativo standard di ricarica per i dispositivi elettronici, che permette una ricarica completa in brevissimo tempo.

L'USB-C Power Delivery è una tecnologia di ricarica rapida che fornisce livelli di alimentazione fino al 70% più elevati rispetto alla ricarica Usb o Lightning. Sfruttando questa tecnologia ti accorgerai che la ricarica del tuo smartphone si completerà più velocemente rispetto alle solite tempistiche. Per esempio dal sito Apple apprendiamo che utilizzando un caricatore USB-C e un cavo da USB-C a Lightning, è possibile ricaricare il proprio iPhone fino al 50% della batteria in circa 30 minuti.

 

 

Cosa è la tecnologia Power Delivery e quali novità introduce?

La ricarica Power Delivery, detta anche ricarica PD, sta cambiando il caricamento dei dispositivi tecnologici in modo affascinante. I maggiori produttori di smartphone e laptop stanno adottando questo tipo di ricarica, consentendo così la condivisione del caricatore per più dispositivi.

 

A differenza della tecnologia Qualcomm’s Quick Charge 3.0 che, quando uscì, rappresentò una svolta per il caricamento veloce dei dispositivi per i suoi 18W di potenza, la tecnologia di tipo PD ha aumentato il livello di potenza fino a 100W, eliminando, inoltre, ogni ostacolo alla compatibilità, anche per i laptop, finora esclusi dalla tecnologia Qualcomm’s Quick Charge 3.0.

Inoltre la tecnologia Qualcomm è sfruttabile solo dai dispositivi che sono stati progettati per essere con essa compatibili, esattamente come i caricatori originali di certi smartphone progettati per caricare esclusivamente un determinato dispositivo. Il problema nasce quando un telefono compatibile con la tecnologia Qualcomm si rompe e viene sostituito con uno smartphone non più progettato per Qualcomm. Il caricatore quindi non lavorerà più con la stessa efficienza e sarà da sostituire con uno ideato ad hoc per il nuovo smartphone, contribuendo quindi ad aumentare la quantità di rifiuti tecnologici. 

 

Con USB-PD è possibile porre fine a questi sprechi, perché lo stesso caricatore è intercambiabile tra smartphone di diversi marchi, tablet, laptop e addirittura console di gaming, a patto che siano tutti dotati di porta USB-C Power Delivery. Non importa quanto sia piccola o grande la quantità di energia necessaria per il dispositivo, o chi lo ha prodotto, perché il caricabatterie regola sempre la sua potenza, adattandosi alle esigenze del momento.

 

Parliamo di sicurezza

Un punto a favore per la ricarica Power Delivery è l’attenzione alla sicurezza. Batterie esplose e smartphone compromessi a causa di una ricarica non adeguata sono episodi che noi tutti temiamo. La tecnologia PD ha ovviato al problema grazie al trasferimento di energia ottimizzato a seconda del dispositivo da caricare. Il caricatore e il tuo dispositivo si parlano, cercando di capire quale sia la combinazione migliore di tensione e corrente tra quelle che il caricatore può fornire, regolandone quindi la potenza. In questo modo non si corre il rischio di un’eccessiva erogazione di alimentazione che potrebbe danneggiare il circuito.

 

In conclusione 

Stiamo quindi parlando di caricatori innovativi in grado di adattarsi dinamicamente alla richiesta di energia del dispositivo collegato, per esempio basandosi sul livello di carica della batteria e della temperatura, nell’ottica di fornire sempre una ricarica veloce e “su misura” per esso.

Per leggere questo articolo hai impiegato circa 7 minuti. Nello stesso tempo, con Power Delivery, il tuo dispositivo si sarebbe caricato più del 15%! 

E tu, quanto sei carico dopo questa notizia?!

 

 

 

Leave your comment